Seleziona una pagina

Per il primo appuntamento del 2020 con Tempi di Recupero, lunedì 27 gennaio, l’Osteria della Sghisa ospiterà  un “Azdor” d’eccezione, Vieri Cheli, grande appassionato di enogastronomia, della buona cucina e dello stare bene a tavola, noncchè organizzatore di eventi e feste, soprattutto nel faentino. 
Attraverso il menù ideato per questa serata di Tempi di Recupero, Vieri vuole raccontarci il suo amore per la cucina e le sue origini marradesi. 

9

Menù

  • Zuppa di cannellini e castagne
  • Tortelli di castagne al ragù bianco di faraona
  • Faraona alle vongole con patate arrostite e gambi di carciofo
  • “Monte Bianco” – castagne cioccolato e panna

Costo della serata: 32 euro [bevande escluse]

Vi aspettiamo alle ore 20.00

Info e prenotazioni

0546 668354
(Posti limitati, prenotazione obbligatoria)

Da sempre siamo convinti sostenitori della cultura del recupero in cucina, un’arte antica tornata più che mai attuale in un momento storico come quello contemporaneo, fatto di troppi sprechi e di poca consapevolezza su quello che mangiamo.

Dalla volontà di invertire questa tendenza e di stimolare buone pratiche quotidiane, all’insegna della sostenibilità a tavola, è partito il progetto Tempi di Recupero, ideato da Carlo Catani e nato proprio all’Osteria della Sghisa nel 2013.

Da allora più di 40 tra chef stellati, osti e adzore si sono succeduti ai fornelli proponendo ricette a base di prodotti del “quinto quarto”, interpretando il riuso degli avanzi dei piatti del giorno prima, riportando in luce antiche ricette dimenticate a base di materie prime apparentemente meno nobili e meno conosciute.

L’obiettivo è quello di sensibilizzare il pubblico verso i temi dello spreco in ambito alimentare e promuovere buone pratiche domestiche, insegnando a riciclare il cibo e a valorizzare i prodotti e gli ingredienti più semplici.

La creatività dei cuochi ospiti e il clima conviviale della cena in osteria, rende ogni serata dei Tempi di Recupero un’esperienza unica, un viaggio alla scoperta di sapori dimenticati e di storie sempre nuove.